TOP

La ragione principale è che se l’erano presa con la donna di colore sbagliata: Rosa era una networker straordinaria. O meglio, era una grandissima costruttrice di relazioni.

Ho 25 anni e faccio l’insegnante. Ho preso servizio in una scuola elementare di Milano circa un mese fa ormai. La stessa scuola tanto discussa in questi mesi e che il Governo italiano ha saggiamente mantenuto aperta. Mi trovo in una situazione

Da diversi mesi le voci si susseguono parlando di una ‘occupazione militare’ della sede della Cinemateca a San Paolo, della sua preziosa e fragile collezione filmica messa a repentaglio, di manifestazioni di massa – i piú di 150 dipendenti sono

Attenzione: Articolo Aggiornato a Settembre 2020, quindi non tratta gli aggiornamenti dei decreti Cosa è cambiato nei centri di accoglienza per i richiedenti asilo in seguito al Decreto Salvini e come si va avanti, nonostante tutto. “Dopo mesi di lavoro, arriva il

“Non uscirei mai con una persona transgender, non sono attratt- da loro”.  Credo che ognun- di noi abbia sentito questa frase almeno una volta nella vita, una frase che a molte persone appare innocente, espressione di ciò che è considerato una semplice

La scuola è sempre stata una spina nel fianco per i governi italiani: messa così male già dal precedente governo, che a quello successivo sembrava un po' brutto e pretenzioso cercare di rimediare. E quindi questa zavorra è stata portata

Categorie

Apriamo i luoghi delle donne, riflessioni da Lucha y Siesta

Le case delle donne rappresentano una vittoria dei movimenti femministi, luoghi di costruzione della libertà e dell’autodeterminazione, con una valenza politica in quanto porta di accesso ai diritti e alla felicità. Nei luoghi come Lucha y Siesta si esprime la forza simbolica e fisica della politica femminista e la capacità di mettere in discussione le dinamiche ingiuste dettate dalle differenze di genere, che col Covid-19 hanno espresso tutta la loro invadenza

Sykes come Padre fondatore e figura politica più influente del Medio Oriente.

È difficile mettere d’accordo anche solo due persone su chi sia la figura più significativa per la storia della nostra regione. Molti riconoscono in Gamal Abdel Nasser, Saddam Hussein, Hafez al-Assad, o anche nel re Faisal bin Abdul Aziz o in Lawrence d’Arabia, la personalità più importante e politicamente rappresentativa del Medio Oriente. Concordo con tutte queste opinioni, ma provo a tornare un po’ indietro nel tempo, dopo la prima guerra mondiale, la caduta dell’Impero ottomano e la divisione dei suoi territori in stati con confini politici ufficiali.

Green&Blue e il greenwashing mediatico: Una mano di verde

Il terreno del presunto confronto tra “i giovani, gli ambientalisti, gli scienziati e le aziende” di cui sopra pare già sostituito dal confronto tra “i politici, i giornalisti, i banchieri e le multinazionali”, nel nome di un greenwashing mediatico di inusitata sfrontatezza. Infatti, se da un lato il mondo dell’imprenditoria multinazionale è il produttore in solido dei gas serra, dall’altro i mondi della politica, del giornalismo e della finanza sono proprio quelli che hanno mostrato tutta la loro inettitudine (premeditata o meno) di fronte alle emergenze climatica ed ecologica. Gli stessi che ora vengono a parlarci di alleanza verde. Mi dispiace, non vi crediamo. Basta.

RIMANE IMPANTANATO IL SISTEMA CARCERARIO ITALIANO: DALLA FINE DEL ‘700 AI GIORNI NOSTRI

“Considerando che le strutture carcerarie sono state da sempre caratterizzate da una logica interna che ha consentito loro, di riproporsi pressoché immutate dall’Unità d’Italia sino ai nostri giorni, nonostante i vari trapassi istituzionali e di regime politico”,

Chi avrà cura di noi? Attivarsi a partire dalle parole

In questi ultimi tempi si è parlato molto di #Cura. Ma se ne è parlato abbastanza?

E’ così scontato per noi occidentali considerare le persone come degli individui scissi e autonomi l’uno dall’altro, tanto che è d’uso comune utilizzare i termini “persona” ed “individuo” come sinonimi, ma se ci spostiamo in tempi o in luoghi più

Quando si parla di "questione palestinese" c'è un evento storico che esperti del tema, o presunti tali, tendono a lasciare al caso non comprendendo la sua cruciale importanza nella lettura dei fatti di cronaca più recenti. Parliamo di quella conosciuta

Il virus ha sollevato contraddizioni e ha consolidato le certezze sulla mancata redistribuzione di risorse e diritti a livello globale, una disparità che le donne già pagavano con patrimoni economici e capacità al risparmio minori, redditi spesso legati a lavori

quand’è che si affronterà la questione Amazigh senza negare gli atti di imperialismo arabo e il modo in cui cancellò la cultura locale ricevendo man forte dalle nazioni europee?