TOP

Author: Davide Curcuruto

Davide Curcuruto (1996) messinese laureando in Sociologia e Ricerca Sociale fra l'Università di Bologna e la Humboldt Universität di Berlino, attivista Queer nel collettivo La Mala Educación e la rete B-Side Pride. I suoi interessi accademici di inseriscono nell'intersezione fra la Sociologia Economica, i Gender e Subaltern Studies nel contesto mediterraneo.

Il caldo record ormai non è più un “evento” ovvero qualcosa che rompe la continuità della norma, ma è ormai un’asticella che si sposta sempre più verso l’alto. La Sicilia da cui provengo è fra le regioni più colpite e

Negli scorsi mesi su Intersezionale ho riflettuto sulla necessità di riarticolare la politica queer da una visione identitaria che rischia di cadere nell’essenzialismo delle varie sigle LGBTQIA ad una visione esistenzialista che punti a mettere al centro l’esperienza presente in

Nel precedente editoriale, avevamo delineato in che senso essenzialismo è la negazione di ciò che siamo: un’esistenza aperta, un’alterità sempre possibile, la quale rifugge da un soggetto che non riesce mai a coglierci del tutto. Oggi mi piacerebbe analizzare quale

La violenza sistemica che colpisce i nostri corpi non è una questione di identità ma di alterità. Questo significa che è il prodotto di quella discrasia che attraverso le nostre biografie mette in discussione lo status quo del soggetto dominante:

Quello che state per leggere è frutto di esperienze personali e singolari, che non vogliono né assolvere, né colpevolizzare, in una dicotomia che ancora una volta, è intrisa di maschilità. L’obiettivo è piuttosto politicizzare il personale, dargli un significato oltre

Il 22 Gennaio 2021 uno studente vicino al PCF Guillaume T., ha affermato di essere stato violentato da Maxime Cochard e dal un altro membro del Partito Comunista Francese nell’ottobre 2018. Conscio del peso politico dei due politici a Parigi,

Se nella prima riflessione ho voluto tracciare una breve “genealogia” della (sub)cultura techno, qui vorrei invece analizzare la sua funzione simbolica nella contemporaneità della Berlino neoliberale.Per fare ciò vorrei innanzitutto partire dal concetto già citato di Teilhabe (partecipazione) con cui

La storia di quello che prima di tutto fu ed è in parte oggi un “movimento di movimenti” è infatti intimamente intrecciata con gli ultimi anni della Repubblica Democratica Tedesca, il Muro e la sua caduta.