TOP

Author: Michela Cicculli - Lucha y Siesta

La Casa delle Donne Lucha y Siesta a Roma è un luogo materiale e simbolico di autodeterminazione delle donne contro ogni discriminazione di genere. Un esperimento innovativo e riuscito: un progetto politico che promuove nuove formule di welfare e di rivendicazione dei diritti a partire dal protagonismo femminile; un progetto ibrido tra casa rifugio, casa di semiautonomia e centro antiviolenza; un progetto nato dalla lotta e dall’autorganizzazione delle donne che da più di 11 anni fornisce informazione, orientamento, ascolto e accoglienza.

(parte I: QUI) Le edicole laiche nascono dalla creatività di Marta Cavicchioni, un' artista e illustratrice che ricerca le forme di arte urbana e femminista, “un’ arte pubblica laica, che prende posizione, che non è neutrale” Durante Bande de Femmes, festival del

Scritto da Chiara Franceschini Con la tavola rotonda Dal #Metoo alla valorizzazione delle intelligenze femminili ha preso l’avvio il nuovo progetto culturale e formativo della casa delle Donne Lucha y Siesta, Al di là dei generi – Femminismi dall’immaginario alla realtà

Annalisa Fabretti, Michela Cicculli, Maria Cristina Sciannamblo e Egilda Orrico  Qual è il valore in termini economici di una esperienza come Lucha y Siesta? Una casa delle donne, centro antiviolenza, spazio transfemminista di autonomia e autodeterminazione, luogo di incontro e di

Scritto da Simona Ammerata e Daria Damiani Dall’inizio dell’anno ci sono stati 19 femminicidi, più di uno a settimana. Lo sciopero globale femminista e transfemminista dell’8 marzo ha fatto sì che, per il quarto anno consecutivo e nonostante la pandemia, nelle

Di Mara Bevilacqua Poche settimane fa si è conclusa l’edizione invernale (e pandemica) del Corso per Operatrici antiviolenza organizzato da Lucha y Siesta. Le prime corsiste hanno iniziato le loro 80 ore di tirocinio martedì scorso presso il Cav (centro antiviolenza)

Scritto da Chiara Franceschini Il 19 gennaio 2021 un nutrito gruppo di agenti di polizia, approfittando del cancello aperto da uno dei minori ospiti del centro che stava andando a scuola, ha fatto ingresso prima nel giardino di via Lucio Sestio,

Di Anahi Mariotti per Lucha y siesta Sin da quando è nata, la Casa delle Donne Lucha y Siesta è stata un luogo di riflessione e cultura femminista. Sono numerosissm3 l3 artist3 che hanno costruito, pezzettino dopo pezzettino, la storia di

Il percorso partecipato di Lucha y Siesta parte da lontano e rispecchia il pensiero critico che il suo collettivo politico, a partire da sé ma sempre in rete con tante altre realtà, ha saputo elaborare contemporaneamente all’attività di contrasto alla

Il virus ha sollevato contraddizioni e ha consolidato le certezze sulla mancata redistribuzione di risorse e diritti a livello globale, una disparità che le donne già pagavano con patrimoni economici e capacità al risparmio minori, redditi spesso legati a lavori

Lucha risponde al dato riscontrato durante una lunga esperienza negli sportelli di ascolto, che vedeva le donne esprimere un bisogno specifico di accoglienza e cura. L’occupazione di uno stabile nel quartiere Tuscolano rappresenta la risposta a questi bisogni, con l’apertura